Conti e Investimenti Arancio ING Direct: Cosa Cambia nel 2012 a Livello Fiscale

Conti Arancio ING Direct

Conto Arancio, Conto Corrente Arancio e gli strumenti di risparmio della linea Investimenti Arancio sono prodotti detenuti da molti italiani, per questo motivo riteniamo importante fare chiarezza sulle novità per il 2012 riguardanti imposta di bollo e tassazione delle attività finanziarie riferite alle varie offerte di ING Direct.
Infatti i cambiamenti introdotti, sia dal Governo Berlusconi che dal nuovo Governo Monti, con i decreti legge n. 138 del 13/08/2011, n.201 del 06/12/2011 e n.216 del 29/12/2011 hanno comportato modifiche rilevanti a livello fiscale e le esamineremo facendo riferimento specifico a ciascun prodotto “Arancio”.
Va precisato che si tratta di indicazioni valide al momento della pubblicazione di questo articolo su ContiCorrenti.org, per cui non possiamo prevedere eventuali cambiamenti che potrebbero verificarsi in momenti successivi, considerata la situazione dell’economia italiana.

Per quanto riguarda Conto Arancio, il conto di deposito on-line di ING Direct, è previsto il pagamento dell’imposta di bollo secondo quanto stabilito dalla legge in vigore per ciascun anno. Tuttavia è possibile non pagare tale imposta per 3 anni (2012-2013-2014) in due modi, entrambi legati all’apertura di Conto Corrente Arancio. Il primo consiste nel mantenere una giacenza media annua sul conto corrente di almeno 5.000,00 euro. Il secondo nel disporre l’accredito mensile di stipendio o pensione.
Gli interessi maturati durante il 2011 vengono tassati al 27%, mentre per gli interessi maturati a partire dal 2012 l’aliquota diminuisce al 20%.

L’imposta di bollo annuale suConto Corrente Arancio, il conto corrente a zero spese della banca diretta olandese, resta a carico di ING Direct, anche per giacenze medie superiori ai 5.000,00 euro, cifra indicata quale limite minimo a partire dal quale si deve pagare l’imposta di bollo annua di 34,20 euro.
Il limite sulle operazioni in contanti pari o superiori a 1.000,00 euro si riferisce solo ai pagamenti e non ai prelievi presso sportelli automatici ATM o nelle varie filiali ING.

Infine i vari prodotti facenti parte della linea Investimenti Arancio saranno soggetti a un’imposta di bollo dello 0,1% del valore complessivo di mercato degli strumenti finanziari in possesso nel 2012, per poi aumentare allo 0,15% nel 2013. L’importo minimo del bollo sugli investimenti è di 34,20 euro. Va inoltre precisato che, nel calcolo del patrimonio totale passabile, oltre al deposito titoli su Trading, vanno aggiunti anche:

  • Borsa Arancio
  • Profilo Arancio
  • PCT Arancio

In riferimento ai rendimenti dei Pronti Conto Termine, se questi sono stati sottoscritti prima del 1° Gennaio 2012, vengono tassati al 12,50%, mentre a partire dal 1° Gennaio 2012 tutti i rendimenti di contratti di PCT Arancio saranno tassati al 20%.


Per avere un quadro più completo dei vincoli sulle giacenze offerti dalla banche che operano in Italia puoi consultare l’apposita sezione dedicata al confronto dei conti di deposito qui.
Potete consultare rapidamente condizioni e principali spese per fare un confronto dei conti correnti qui.

Potrebbe piacerti anche