Conto SENZA SPESE PIU’ Cariparma: zero spese con canone azzerabile e tanti servizi inclusi

Analisi del conto corrente Senza Spese Più di Cariparma
Senza Spese Più di Cariparma, banca del Gruppo Crédit Agricole, è un conto corrente a canone trimestrale azzerabile, pensato per chi vuole un c/c a zero spese, mantenendo una giacenza minima e con la possibilità di accedere a molti servizi e prodotti bancari inclusi.


In questa scheda di analisi/recensione verranno prese in esame le seguenti caratteristiche del conto corrente a pacchetto Senza Spese Più di Cariparma, consultabili anche direttamente cliccando in corrispondenza di ciascuna voce:

CHI PREVEDE DI MANTENERE SOMME IN GIACENZA SUL C/C E VUOLE AVERE SERVIZI E PRODOTTI GRATUITI INCLUSI NEL CANONE


Per aprire conto corrente Senza Spese Più ci si deve recare in una delle filiali di Cariparma, prendendo appuntamento a quella più vicina al proprio domicilio, compilando un modulo presente sul sito ufficiale della banca (http://www.cariparma.it). Le operazioni di apertura e chiusura del conto sono a costo zero.

Questo conto corrente prevede il pagamento, oltre che dell’imposta di bollo annuale di 34,20 euro, di un canone trimestrale di 14,70 euro (annuale di 58,80 euro), con la possibilità di azzerarlo mantenendo una giacenza media trimestrale di 3.000,00 euro. Così facendo si avrà l’accesso a una serie di servizi e prodotti a costo zero, tra i quali i principali sono:

  • numero illimitato di operazioni illimitate
  • invio dell’estratto conto trimestrale (sia in forma cartacea che online)
  • conteggio di interessi e competenze
  • accredito dello stipendio o della pensione
  • domiciliazione delle utenze domestiche
  • libretti degli assegni
  • Bancomat internazionale con micro-chip
  • servizio Nowbaking: ovvero Internet Banking, Banca Telefonica, Mobile Banking e attivazione del servizio SMS Informativo
  • prelievi illimitati di contante su tutti gli sportelli Cariparma e Crédit Agricole in Italia, Francia e Grecia

Con l’apertura di Cariparma Senza Spese Più è richiedibile una carta Bancomat internazionale a canone zero, con la quale effettuare pagamenti gratuiti tramite POS e prelievi in euro senza spese presso tutti gli sportelli Cariparma e Crédit Agricole in Italia, Grecia e Francia. Inoltre non si pagheranno commissioni fino a 24 prelievi in euro all’anno presso gli sportelli ATM di altre banche. Superata tale soglia, si pagheranno 2,10 euro di commissioni per prelievi in euro e 3,10 euro per prelievi non in euro.
La carta Bancomat è dotata di micro-chip per garantire la massima sicurezza delle operazioni.
E’ possibile richiedere anche il rilascio di una carta di credito Cartasì Classic, il cui canone annuale di 30,99 euro risulta essere azzerabile nel caso in cui si utilizzi la carta per acquisti di almeno 3.000 euro ogni anno.

Le somme lasciate in giacenza sul c/c nella maggior parte dei casi non verranno remunerate, dato che fino a 1 milione di euro il tasso di interesse sulle somme depositate è pari allo 0%. Oltre 1 milione di euro gli interessi creditori sono pagati allo 0,010% effettivo, con cadenza trimestrale.

Nel canone trimestrale azzerabile di questo conto corrente è compreso il servizio Nowbanking, che include la possibilità di effettuare operazioni consultive e dispositive attraverso Internet Banking, Banca Telefonica e Mobile Banking, oltre all’attivazione del servizio SMS Informativo, per avere sempre sotto controllo le operazioni che avvengano sul c/c.

Cariparma offre gratuitamente la possibilità di domiciliare il pagamento delle principali utenze domestiche, per consentire ai clienti di pagare le bollette di acqua, luce, gas e telefono in automatico.

Il libretto degli assegni è richiedibile gratuitamente, dato che il costo è incluso nel pagamento del canone trimestrale.

Il costo dei bonifici (fino a 50.000,00 euro) verso l’Italia varia tra 0,00 euro, per operazioni svolte utilizzando il servizio di Internet Banking e accreditando la somma su altri sportelli Cariparma, e 4,50 euro per bonifici con regolamento in contanti su altre banche. Il costo minore per bonifici disposti su altre banche lo si ottiene utilizzando l’Internet Banking ed è di 0,57 euro.


Sottoscrivendo il conto corrente Cariparma Senza Spese Più è possibile recedere dallo stesso in ogni momento e senza il pagamento di alcuna penalità o spesa di chiusura del c/c. Per farlo occorrerà darne comunicazione scritta alla banca.
I tempi massimi di chiusura, da calcolarsi dopo la restituzione di eventuali carte e la conclusione di eventuali servizi accessori connessi allo stesso, sono di 30 giorni.

In caso di reclami è possibile contattare la banca scrivendo all’indirizzo dell’Ufficio Reclami della banca situato in Via Mazzini – Galleria Bassa dei Magnani, 3 a Parma (CAP 43121), oppure scrivere all’indirizzo di posta elettronica: reclami@cariparma.it.

Cariparma deve rispondere entro 30 giorni dalla ricezione del reclamo. Scaduto tale periodo il cliente, prima di rivolgersi alla giustizia ordinaria, può ricorrere all’Arbitro Bancario Finanziario (ABF) o presentare un’istanza di conciliazione al Conciliatore Bancario Finanziario (CBF).


Cariparma mette a disposizione il numero verde 800.771100 (per chiamate dall’estero +39.0521.942940) per ottenere informazioni relative al conto Senza Spese Più e ad altri prodotti offerti. Il servizio risulta essere attivo dal lunedì al venerdì, dalle 8:30 alle 20:30.
In alternativa è possibile scrivere compilare un form presente sul sito per essere successivamente ricontattati da un incaricato della banca.


Per un rapido confronto delle condizioni e delle principali spese dei conti correnti recensiti potete andare qui.

Per le informazioni dettagliate e aggiornate riguardanti Senza Spese Più di Cariparma si rimanda al foglio informativo (o al documento di sintesi) presente sul sito di Cariparma all’indirizzo http://www.cariparma.it .

Conticorrenti.org non si assume alcuna responsabilità per eventuali variazioni delle condizioni praticate, essendo un sito puramente informativo e nato con lo scopo di offrire una panoramica sull’universo dei conti correnti offerti dalle varie banche che operano in Italia.

Potrebbe piacerti anche